Al supermercato

Uno dei momenti più difficili di una mamma è fare la spesa al supermercato con i figli al seguito.

Prima di entrare gli dici “Non si comprano giochi o caramelle.”

E invece dopo un paio di corsie ecco che inizia.

Mamma mi compri questo?

Mamma voglio quello!

E mentre gli dici di no, mantenendo la calma lui è già in cerca di altro.

Ecco che arriva con un pacco di patatine che sta tentando di aprire.

“No, hai appena fatto merenda”

Allora si butta per terra e inizia a piangere.

“Io ho fameeeeee”

La gente ti guarda disapprovandoti

sia che tu dica sì (certo che piange, lei lo vizia)

sia che tu dica no (poverino ha fame e lei non gli compra niente)

Tu lo prendi in braccio e stremata vai alla cassa.

Ma il peggio deve ancora arrivare,

perché lì in bella vista compaiono cioccolatini e caramelle,

giusto a portata di manina.

Non hai speranza.

Per uscire da quel supermercato

o dovrai trascinare tuo figlio in lacrime

o dovrai comprare quel maledetto ovetto di cioccolato.

Ahimè al problema supermercato non c’è soluzione

non basta educare i figli,

non basta portarli a stomaco pieno,

non basta essere severi o amorevoli o quel che è.

Il supermercato deve vendere il più possibile,

e per farlo usa qualunque mezzo, pure i nostri figli.

Sì perché nei supermercati tutto è studiato per vendere.

Luci e colori per attrarre

Musiche per invogliare

Disposizione della merce per facilitare l’acquisto.

Ci facciamo condizionare noi adulti da offerte e promozioni

figuriamoci i bambini che si sa sono i più sensibili agli stimoli.

E i supermercati lo sanno benissimo,

infatti i bambini chiedono e noi genitori cediamo e compriamo,

oppure se restiamo saldi dobbiamo dire mille no che nemmeno in una settimana

e intanto siamo nervosi e compriamo.

 

E quindi che fare? La spesa bisogna pur farla.

Io da qualche anno ho scoperto la spesa on line.

Te la portano a casa, e ci sono offerte meravigliose

tipo la cioccolata ai semi di lino e alghe a solo un euro

e lo shampoo ai frutti tropicali in offerta a soli € 9,99,

insomma con la spesa on line mi faccio fregare solo io.

 

Lascia un commento