C’era una volta mio nonno

C’era una volta mio nonno

C’era una volta mio nonno.

Di giorno era burbero e severo, di sera invece si trasformava in uno straordinario cantastorie.

Quando il cielo si riempiva di stelle e la luna si rispecchiava sul mare noi ci raccoglievamo attorno a lui.

C’erano i miei cugini, i vicini, i parenti tutti con le sedie portate da casa.

E mio nonno ci raccontava di contadini sfortunati, di donne in cerca di marito, di mostri spaventosi che chiamava “gurgule‘ “.

I nostri occhi li vedevano davvero quei contadini e quelle donne, le nostre orecchie sentivano addirittura le voci spaventose dei gurgule‘.

Le sue storie erano magiche e appassionanti.

Quando tornavamo a casa ognuno aveva negli occhi quella magia e quel fuoco e non vedevamo l’ora di rincontrarci.

Oggi mio nonno non c’è più.

Ma sono sicura che quando il cielo si riempie di stelle e la luna si rispecchia sul mare, gli angeli si raccolgono attorno a lui ad ascoltare le sue storie di contadini, donne in cerca di marito e gurgule‘.

 

In ricordo di mio nonno Santo.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.