La tosse

Quando i miei figli cresceranno ci saranno tante cose che mi mancheranno: dormire con loro nel lettone e avere le mani sporche di pennarello, ma una cosa non mi mancherà di sicuro, la TOSSE.

Arriva puntuale tutti gli anni in autunno anche dopo un mese di mare, dà il meglio di sé durante le feste di Natale e resiste imperterrita fino alla primavera inoltrata.
È subdola. Quando ti sembra che se ne sia andata ritorna di notte a tenervi svegli,­ oppure arriva al mattino proprio quando state andando a scuola.


No la TOSSE ­di sicuro non mi mancherà. E non mi mancheranno nemmeno gli esperti che ripetono “La tosse non è una malattia, è solo un sintomo” come se questa frase ti facesse dormire di notte.


In questi anni ho provato di tutto: sciroppi, granuli, lavaggi e aerosol. E quello che funziona una volta spesso non funziona una seconda volta. Insomma non ho ancora trovato la soluzione miracolosa, ma so una cosa: crescendo ad un certo punto la tosse se ne va, sparisce.

All’inizio non dici niente ­per scaramanzia. Poi non ci pensi più perché ci saranno altri malanni: i mal di ­pancia perché hanno litigato con l’amico del cuore o i mal di testa perché hanno paura dell’interrogazione.

Ma credetemi questa è tutta un’altra storia.

 

Lascia un commento