“Solo un puntino” di Elisabetta Pica, Chiara Vignocchi e Silvia Borando

“Solo un puntino” di Elisabetta Pica, Chiara Vignocchi e Silvia Borando (Minibombo) è un libro che conquisterà i vostri bambini come ha fatto con i miei.

Un lupo cattivo fa sparire tutto quello che trova sulla strada: ciliege, uccellini e pure bambine.

 

image

 

image

 

image

 

Ma alla fine verrà punito da un piccolo puntino rosso.

La storia ha un ritmo che rende la lettura piacevole anche per l’adulto.

Le immagini dal tratto deciso sono estremamente efficaci.

Per bambini dai due anni.

 

image

 

image

 

image

5 thoughts on ““Solo un puntino” di Elisabetta Pica, Chiara Vignocchi e Silvia Borando

    • Ciao Marta, io credo che dipenda dalla sensibilità personale, c’è chi trova cruento cappuccetto Rosso e chi Pollicino.
      Ogni genitore giustamente sceglie per il proprio bambino una storia in base alla propria visione del mondo e ai propri gusti personali.
      Ai miei bambini è piaciuto perchè hanno colto l’aspetto ironico ma altri bambini potrebbero spaventarsi. Noi genitori siamo il loro filtro.
      Un abbraccio.

  1. Grazie Amelia per la tua risposta.

    Se il fatto che sia “un bel libro” è questione soggettiva,

    Ti prego di non sottovalutare che questo libro non dovrebbe essere letto a bimbi piccoli,

    ed aggiungo che sarebbe davvero utile, da parte dell’adulto, non tralasciare di rassicurare anche un bambino più grande.

    I bimbi non distinguono come gli adulti la realtà dalla finzione, ed è pericoloso e sbagliato sottoporli a questo tipo di stimolazioni.
    C’è un tempo per tutto, rispettiamolo!
    Lo scrivo da mamma, oltre che da donna che lavora con i bambini ormai da anni!

    Grazie per avermi consentito di esprimere la mia idea!

  2. Grazie Amelia per la tua risposta.

    Che sia un libro ironico, è certamente questione soggettiva, ma

    Ti prego di non sottovalutare che questo libro non dovrebbe essere letto a bimbi piccoli,

    I bimbi non hanno capacità di distinguere come gli adulti la realtà dalla finzione, ed è pericoloso e sbagliato sottoporli a stimolazioni così cruente.
    C’è un tempo per tutto, rispettiamolo!
    Lo scrivo da mamma, oltre che da donna che lavora con i bambini ormai da anni!

    Grazie per avermi consentito di esprimere la mia idea!

    • Grazie a te Marta. Mi piace il dibattito e ascoltare tanti punti di vista per arricchire il mio sito. Soprattutto se è il punto di vista di chi lavora con i bambini.

Lascia un commento