Una mamma farfalla

A volte vorrei trasformarmi  in una mamma farfalla. Senza preoccupazioni e ansie senza gli oddio prende freddo, senza gli oddio ha mangiato schifezze e senza le mille cose da fare. Vorrei trasformarmi una mamma farfalla perché vorrei vivere con più leggerezza. Se fossi una mamma farfalla mi alzerei in volo  e guarderei da lassù il … Leggi il seguito

Diventare madre

Quando sono diventata madre per la prima volta, ero senza parole. Mi hanno appoggiato Federico sul petto che aveva gli occhi aperti e si guardava in giro curioso. “Amore sono la tua mamma” gli ho sussurrato tra le lacrime e lui mi ha guardata e io ho pensato, diventare madre è un mistero meraviglioso.   … Leggi il seguito

La mamma attaccapanni

Quando esco con i miei figli mi trasformo per magia in una mamma attaccapanni. Ho sempre qualcosa da tenere in mano: lo zaino di Star Wars il sacchetto con i bavaglini da lavare la macchinina telecomandata, i sacchetti della spesa (e menomale che dovevo prendere solo due cose!) il sacchetto con il contenitore della cena … Leggi il seguito

Nella borsa della mia mamma 

Nella borsa della mia mamma c’è di tutto. Ci sono i calzini antiscivolo per quando andiamo sui gonfiabili e ci sono i pennarelli per quando al ristorante non ci sono i gonfiabili. Ci sono le mutandine del mio fratellino che non si sa mai, e i fazzolettini di carta per quando abbiamo il raffreddore. Ci … Leggi il seguito

Tre maschi.

Ero al supermercato, quattro anni fa. Accanto a me Federico, Davide nel carrello e Lorenzo ancora nel pancione. Appesantita dal caldo e dai chili della gravidanza arrancavo tra gli scaffali in cerca di cibo per la cena. Nel frattempo una signora ci fissava, nel reparto scatolame. – Cosa aspetta? – mi chiese – Un maschio. … Leggi il seguito

Una mamma in bicicletta

Stamattina andando al lavoro, ho incrociato una mamma con la bicicletta rossa. Il suo bambino era seduto dietro, con le braccia stringeva forte la sua vita. Come un piccolo koala. Andavano veloci, forse erano in ritardo. Li ho seguiti per un po’, anche io ero in bici. Finché hanno svoltato. La mamma reggeva il volante con … Leggi il seguito

Il bicchiere d’acqua sul comodino.

E’ stata un’altra lunga giornata. Ti abbandoni sul letto sfinita e spegni la­ luce. Dormono già tutti.­  Il cuscino non è mai stato così soffice. Stai quasi per addormentarti, ma senti una voce: ­“Mamma ho sete”­ Speri sia solo un sogno e resti immobile,  e invece la voce aumenta d’intensità: “Mammaaaaa voglio l’a­cqua”. In quel momento qualunque sia­ … Leggi il seguito

Vorrei restare a letto ancora un pò

Stamattina vorrei restare a letto ancora un po’. Per accarezzare i suoi piedini nudi che hanno smarrito i calzini. Per baciare la sua bocca socchiusa che parla anche di notte. Per ascoltare il suo respiro che profuma ancora di latte. Ma il vento bussa forte alle persiane e il sole di marzo si infila tra le fessure. … Leggi il seguito

La pagella. Una giornata speciale.

Mi sveglio e so già che sarà una giornata speciale. Alle cinque andrò a ritirare la pagella di Federico. Quando l’ho iscritto in prima elementare mi ero promessa: ”Nessuna ansia da voto, è lui che va scuola e non io”. I voti avevano già condizionato la mia vita. Non volevo che succedesse la stessa cosa … Leggi il seguito

“Gocce di voce” di autori vari

“Gocce di voce” (Fatatrac) è uno di quei libri che conservo con amore, insieme alle foto della nascita dei miei figli.  L’ho ricevuto in dono dall’ospedale grazie al progetto Nati per Leggere, uno dei regali più graditi. Sono sette poesie di sette formidabili poeti per mamme e neonati. Gli autori sono: Stefano Bordiglioni, Chiara Carminati, Pietro … Leggi il seguito